venerdì 21 gennaio 2011

Mutua distruzione assicurata con brio

Qualche tempo fa ho visto un film ambientato durante la guerra fredda. La storia grosso modo è così:

Gli alti papaveri del governo americano sono rinchiusi in vari bunker e sale di controllo per affrontare la peggiore delle crisi: un loro bombardiere vola verso Mosca per colpirla con testate atomiche, le sue comunicazioni con la base sono tagliate. Il rischio di Distruzione Mutua Assicurata è altissimo. Il presidente degli stati uniti si mette al telefono per parlare col primo ministro russo. Generali e scenziati discutono sul da farsi, chi cercando una soluzione pacifica, chi spingendo per la guerra.

Alzi la mano chi ha pensato a Il Dr. Stranamore.


E invece si tratta di Failsafe, un thriller di Sidney Lumet. Come Dr. Strangelove è in bianco e nero, è uscito pure lui nel 1964 e mostra un cast di tutto rispetto. A cambiare è l'atmosfera che in Failsafe è claustrofobica e dominata dalla paranoia. I piloti del bombardiere sono tagliati fuori da ogni comunicazione e in caso ne ricevano non possono essere sicuri che a parlare siano alleati o nemici. Il presidente degli USA è chiuso in una piccola stanza, unici compagni il telefono collegato direttamente con Mosca e un traduttore che sa quanto siano importanti le inflessioni della voce e del linguaggio. Altro centro focale è la sala comando in cui militari e politici in visita osservano il volo del bombardiere su di un enorme schermo simile al Risiko che si trovano a dare la caccia ai propri compagni. E in molti segmenti non ci sono musiche di accompagnamento ma si sente solo il silenzio della tensione.

Vedere come da una premessa e trama molto simile si possano creare due storie dagli intenti ed effetti così diversi mi lascia sempre meravigliato e ammirato per la bravura degli autori coinvolti. Oltre a essere tutto materiale da cui imparare le differenze tra commedia e dramma. Buttateci un occhio.

venerdì 14 gennaio 2011

Saturday Morning Breakfast Cereal, Snowflakes e altro ancora

Saturday Morning Breakfast Cereal è un webcomic scritto e disegnato da Zach Weiener. Non ha un cast fisso ma di volta in volta ci troviamo di fronte a gente comune, nerd all'ultimo stadio e soprattutto scienziati di vario ordine e grado. Weiner sfrutta appieno la sua passione e i suoi studi in fisica come tema ricorrente in molte sue strip, usando ad esempio diagrammi o tabelle in cui i fattori combinati tra loro risultano in battute fulminanti. Per non parlare delle figure barbine che riesce a far compiere a fisici e matematici giocando su cliché e tormentoni legati a scienziati pazzi o geni irrequieti e a come una mente scientifica si rapporti con la vita di tutti i giorni. E non manca l'occasionale dinosauro o alieno in visita. Descritto a parole sembra tutto molto cervellotico ma le strip sono quasi sempre dirette e fruibili da chiunque. Sul sito trovate il ricchissimo archivio (è online dal 2002) in cui perdervi, qui.

Ma Weiner è una fucina di idee. Oltre a SMBC ha portato avanti come sceneggiatore Captain Stupendous, per i disegni di Chirs Jones, storia in una 90ina di pagine che potete leggere qui.

Sempre per i disegni di Jones ma scritto insieme a James Ashby sta portando avanti Snowflakes, serie avventurosa con protagonista un gruppo di bambini ambientata in un orfanotrofio in mezzo alle neve che potete leggere qui. I personaggi sono deliziosi, in particolare la bimba convinta di essere una Vichinga destinata a conqusitare l'Eldorado combattendo Dinorobot e licantropi. Senza dimenticare lotte intestine per diventare presidente di classe, bambini che vedono diavoli e suore dai loschi segreti.

Weiner ha pure messo su un gruppo di comici che crea video divertenti che trovate a questo indirizzo. Per non avere compiuto ancora 30 anni è uno che sta facendo robe molto buone e da tenere d'occhio.