venerdì 18 gennaio 2013

Cerco storie finte su malati di cancro


Il titolo non è dei migliori ma desidero essere molto chiaro. Mi limito ai malati di cancro perché ci sono passato pure io. 

Dico finte perché in questo caso non cerco testimonianze dirette o indirette di casi veri. Mi interessano anche quelle, ma ora come ora mi servono storie di fiction.

Ovvero: se avete visto film o telefilm con protagonisti malati di cancro, fatemi sapere i titoli. Non importa che sopravvivano o muoiano, che siano giovani o vecchi, maschi o femmine. Mi interessa che il malato sia il centro della storia. 

Perché storie di fiction? Perché voglio studiarmi meglio, avendo sotto mano esempi, come vengono rappresentati il malato, la malattia e quanto sta loro attorno.

Il motivo di questa ricerca è che trovo che la malattia, intesa in senso lato, e il malato vengano dipinti spesso in maniera stereotipata. Questo sia nella fiction, che nel giornalismo. Però per questa volta mi concentro sulla rappresentazione nella fiction.

Non ho mai potuto soffrire un certo modo o paternalistico e vittimistico o al contrario eroico e santificatorio con cui viene dipinto chi subisce una malattia grave. Mi ha sempre fatto venire i nervi da che ricordi, perché trovo che manchi di rispetto a chi subisce certe sfighe, oltre a dare una visione parziale di come si vive la malattia. 

Tutto questo è stato esacerbato dal mio aver avuto il cancro due volte (scriverlo al passato è una sensazione un po’ strana) perché ora posso filtrare tutto con l’esperienza diretta. Non che sentissi la mancanza di questo punto di vista, ma di sicuro mi porta a vedere le cose con più completezza di prima e farmi saltare all’occhio modalità espressive sul cancro che trovo scorrette se non deleterie.

“La terribile malattia” “Un male incurabile” “Lo spiegato killer cellulare” quando sarebbe più informativo un semplice “Cancro”.

Per cui se avete visto una storia che vi ha particolarmente colpito, in positivo o negativo, per favore fatemi sapere il titolo.

Film come “50/50” o “Wit” li ho già visti e li rivedrò.  Mi vengono in mente episodi singoli di telefilm come il “Dr. House”, o quelli dedicati alla malattia del Dr. Green in “E.R.”. Ce ne sono di sicuro altri che non ricordo, o che non ho mai visto, come “The Big C”.

Se vi ricordate l’episodio esatto del telefilm di riferimento, meglio. Sennò cercate di descriverlo meglio che potete.

Se avete letto fumetti sull’argomento, segnalatemi. 

Per ora non ho intenzione di analizzare anche la narrativa, perché voglio concentrarmi sull’uso delle immagini e non solo della parola scritta. Non è detto che prima o poi allarghi il campo. Cosa che sarà necessaria in caso voglia stringere il campo al giornalismo.

Vi ringrazio già ora e in caso non vi vengano in mente titoli, linkate il post ad altri amici. So che l’argomento non è tra quelli di cui si ha voglia di parlare. Ma questo è proprio uno dei punti che mi interessa: capire quanto a rendere fastidioso l’argomento cancro sia la malattia in se, e quanto il modo e la maniera in cui viene rappresentato lo mostrino peggio di quanto sia.

Non che di suo sia una malattia puccettosa eh, ma descriverla solo come un mostro imbattibile non mi pare possa essere utile a nessuno.

Grazie.

8 commenti:

Anja ha detto...

così al volo senza pensarci, 2 film in giro su sky ultimamente: "Nemiche/Amiche" con Julia Roberts e Susan Sarandon e "il mio angolo di paradiso" con Kate Hudson.
Il primo non è incentrato solo sulla malattia, ma credo valga lo stesso, anche solo x il dialogo fra le due donne:
"tu sei la sua storia, i suoi ricordi"
"e tu il suo futuro.."
ovviamente sto parafrasando ma hai capito il senso.

Direi che sono perfetti per la tua ricerca di storie stereotipate su malati di cancro.
Se mi viene in mente altro ti aggiorno

Francesco De Paolis ha detto...

A livello di telefilm ovviamente Breaking Bad; in Buffy ricordo un ragazzo che voleva farsi vampirizzare per evitare di morire (in una delle prime stagioni); in Rescue Me (telefilm sui vigili del fuoco post 11 Settembre) compaiono diverse volte malati di cancro, ma ci sono tre casi in particolare che vengono approfonditi e in modi molto diversi fra di loro: quello di Sean Garrity (membro dei vigili del fuoco e coprotagonista; lo scopre durante la 5° stagione), Kelly Mcphee (nelle prime puntate della 7° stagione) e Patrick Mahoney (altro vigile del fuoco; credo durante la 6° stagione). Rescue Me alterna dramma e umorismo nero, e questa cosa si rispecchia anche nel modo di raccontare questi tre personaggi.

A livello di fumetti, mi vengono in mente la saga di Daredevil "Father" scritta e disegnata da Joe Quesada (ristampata nel 2009 su "Supereroi Le Grandi Saghe 35") ; Law - Il lato Oscuro della Legge (ma sono fermo al terzo numero, quindi non so come si è evoluta questa sottotrama); Deadpool; Lex Luthor che si ammala per colpa dell'anello di Kryptonite; "La morte di Capitan Marvel"; nel ciclo di Grant Morrison degli X-Men (quando stanno per affrontare Cassandra Nova) la Bestia accenna a Ciclope, mentre Xorn guarisce Scott, che stava morendo di leucemia; Eddie Brock/Venom, che scopriamo in una storia di Paul Jenkins malato da sempre e che è la malattia a renderlo particolarmente appetibile al simbionte, e che Eddie odiava l'Uomo Ragno (anche) perché se avesse mai accettato la simbiosi con Venom, lui sarebbe morto. Durante Marvel Knights Spider-Man di Mark Millar, in preda a una crisi religiosa, vende il suo simbionte per dare i soldi in beneficenza per poi suicidarsi; durante Civil War lo ritroviamo in ospedale, ancora vivo e in preda ad allucinazioni sul simbionte e che tenta di accoppare zia May; all'inizio del ciclo di storie di Spider-Man "Brand New Day" viene guarito da Mr. Negativo (e diventa l'Anti-Venom).
"Il ragazzo che collezionava l'Uomo Ragno"
Rick Tyler/Hourman, che viene guarito dall'Hourman dell'856° Secolo (ma non ho letto la storia in questione né le storie pregresse dove Rick si ammala; la storia dove guarisce credo sia stata pubblicata in Italia dalla Planeta in un volumone dedicato all'Hourman dell'856° Secolo); c'era anche una storia dei Peanuts "Perchè, Charlie Brown Perchè?" (sia a fumetti che a cartoni animati).

Francesco De Paolis ha detto...

In Scrubs si ammala Ben Sullivan, fratello dell'acida Jordan e migliore amico di Perry Cox.

In Ally McBeal succede a Billy, l'amore storico di Ally (credo nella terza stagione).

Beautiful ha dedicato 4 puntate sull'argomento:

http://www.microportale.eu/index.php/beautiful/riassunti-puntate-americane/2926-beautiful-anticipazioni-puntate-americane-da-6000-a-6004

e sembra che il personaggio di Stephanie Forrester morirà di cancro, in puntate che verranno trasmesse in Italia questa primavera (almeno, così ho letto).

Bapho aka Davide Costa ha detto...

Grazie per le segnalazioni!

Francesco De Paolis ha detto...

Mi viene ora in mente Telford Porter alias lo Svanitore a cui Elixir, su pressione dei suoi compagni di squadra, fa crescere un tumore nel cervello per costringerlo prima a farsi dare un campione di virus Legacy che aveva rubato e in seguito per costringerlo a lavorare per loro.
Trovi la storia in questione su X-Men Deluxe 173, nella serie X-Force.
Ho diversi arretrati da recuperare, quindi non so gli sviluppi della vicenda.

Luca Rubino ha detto...

Il primo volume di Hellblazer è incentrato sul cancro, se non ricordo male.

Bapho aka Davide Costa ha detto...

Giusto, non lo ricordavo. Grazie della segnalazione, Luca!

Francesco De Paolis ha detto...

La storia "Interesse sociale" su L'Uomo Ragno 400, Panini Comics.