lunedì 19 maggio 2008

John Doe 60 - Ballo di Famiglia di Maurizio Rosenzweig

Per chi non conoscesse l'attuale situazione dell'universo di John Doe: da quando il figlio di JD è diventato Re del mondo bandendone la morte, ovvero lo stesso JD, la gente ha smesso di morire e tutto si è incasinato parecchio.

Vediamo, con ampi SPOILER e minigonne in tinta, il numero 60.

Clicca per una dimensione Carnevalesca

Il numero, scritto e disegnato da Maurizio Rosenzweig, si apre con una lunga sequenza che ci mostra da subito quale sarà il tono della storia grazie a tavole come la seguente:

Clicca per ingrandire

Un torso d'uomo è immerso nell'olio bollente. E il torso dorme serafico.

Stabilita l'atmosfera veniamo a conoscere i co-protagonisti di questo numero:

Cliccami su, Scotty!

TREKKIES!

Perché non importa che non riescano a scopare, ora che non possono morire non ce ne libereremo mai.

L'allegra comitiva di Trekkies viaggia verso Lost Vegas, casa del Re del mondo, per partecipare a una convention. Lungo la via sbagliano strada e nel più classico dei colpi di scena vengono in contatto coi Villici Del Horrore:

Clicca per aprire quella porta

Villici Dell'Horrore che hanno rapito anche JD.

Villici Dell'Horrore che sono Cannibali:

Clicca per un taglio migliore

Villici Dell'Horrore Cannibali che scopriamo essere in realtà:


Clicca per ingrandire

Villici Dell'Horrore Cannibali ALIENI!

E se a questo punto non siete già corsi a comprare l'albo significa che state leggendo il blog sbagliato.

Comunque è a questo punto, quando la storia ha raggiunto e superato in retromarcia, bruciando ballerine nane, l'epica Recchionana (Recchionesca? ok, questa è pessima) arrivando la dove nessun lettore medio è arrivato prima che John si sveglia e fa piazza pulita:

Clicca per ingrandire Eddie

In sotto fondo potete sentire gli Iron Maiden che pompano come dei dannati.

E tutto torna come prima con JD e Pericle che tornano sulla strada. Segno dello status quo che non può essere abbattuto nemmeno da un Autore con sette paia di palle o al contrario comprensione perfetta dei meccanismi della terza stagione di JD, nonché dimostrazione di profondo amore per Texas Chainsaw Massacre, il genere slasher, la serialità e il fumetto popolare in genere (l'omaggio al gruppo TNT non potrete non coglierlo)?

Propendo per la seconda, resta il fatto che mi sono divertito parecchio come lettore e che come sceneggiatore me lo sto rileggendo a mo' di manuale.

3 commenti:

foolys ha detto...

che disegni, eh? :)

Bapho aka Davide Costa ha detto...

Spettacolari, gli scan non gli rendono grazia.

prog2501 ha detto...

Ho scoperto solo recentemente John Doe, grazie sopratutto al blog dalla Parte di Asso Merril, solo una parola: Geniale!
Ricchissimo di citazioni